Forum delle Giornaliste del Mediterraneo – Mediterranean Women Journalists

S/murare partecipa anche quest’anno al Forum delle Giornaliste del Mediterraneo – Mediterranean Women Journalists con due interventi di Lorena Carbonara e Luigi Cazzato (https://www.giornaliste.org/)

#smurareilmediterraneo#stopairespingimenti#NoBorderWall

Pubblicità

Secondo incontro S/Murare Palestina

Lo Stato d’Israele non è solo la potenza occupante in Cisgiordania, Gerusalemme est e Gaza. E’ anche uno dei produttori di servizi e tecnologie di sicurezza più all’avanguardia al mondo. In cosa consiste il complesso militar-industriale israeliano e che ruolo gioca nel contesto internazionale e israelo-palestinese in modo particolare? Non sono tanto le lobby ebraiche a influenzare le politiche di stati europei e nordamericani nei confronti di Israele. Piuttosto è l’esistenza di lobby politico-economiche pro-israeliane in Francia, Inghilterra, Germania, Italia e Stati Uniti che difendono il business internazionale della sicurezza e della vendita di armi a permettere di meglio spiegare il silenzio dei governi occidentali durante l’ultima guerra a Gaza (come nelle precedenti). Un’escursione nel mondo opaco della ‘sicurezza’ e degli armamenti, dei costi e dei profitti del complesso militar-industriale israeliano svela  alcuni lati nascosti dell’appoggio incondizionato allo Stato ebraico. Alla luce di questo, come difendere il diritto alla resistenza della Palestina e del diritto all’autodifesa di Israele? E quanto la situazione sofferta dai Palestinesi per tanti aspetti ricorda e richiama l’oppressione culturale,  civile e sociale sofferta da altri esseri umani all’interno del loro stesso paese in Occidente  come in Oriente, al Sud come al Nord?

Nuovo appuntamento di ArchiviAzioni e S/Murare “L’arcipelago postesotico e la via lattea: il ritmo della spirale (dal Senegal all’Europa)”

La ricerca artistica, femminista, la performance, la creazione video, la traduzione, il disegno e la scrittura sono gli strumenti attraverso cui trasformiamo i nostri limiti in risorse”: il collettivo artistico transculturale ideadestroyingmuros racconterà come la scelta di porsi in una prospettiva geo-antro-politica simbolicamente collocata in isole postesotiche, ha orientato le loro creazioni comunitarie tanto da un punto di vista emozionale, pratico, quanto economico. Attraverso l’intreccio delle voci delle componenti del gruppo e la proiezione d’immagini, conosceremo i processi e le pratiche che hanno portato alla creazione della piroga, del Mediterraneo, della via lattea fino alla spirale della conchiglia – progetto in via d‘ideazione. 

Riflettendo sulla singolare pratica artistica di questo collettivo, strumentale a creare uno spazio progettuale in grado di “mantenere collegati nella distanza i percorsi di ognuna”, in questo incontro l’Archivio di GenereSmurare mediterraneo e Sud chiama Sudintendono approfondire i processi artivistici e relazionali che prendono forma a partire dalla scelta collettiva di collocarsi su posizioni frontaliere in relazione a nazione, genere, sesso, lingua e creazione. Le poetiche e le politiche di ideadestroyingmuros c’interrogano in quanto il nostro tempo segnala l’ urgenza d’ideare modi nuovi d’intendere e di praticare la convivenza e la resistenza attraverso percorsi autoantropologici e di autogestione, oltre che di politiche e poetiche segnate da geo-talasso-grafie, e processi creativi generati tra terra e mare, isole e arcipelaghi.

Questo incontro di ArchiviAzioni, organizzato in collaborazione con il progetto di ricerca attivista S/Murare il Mediterraneo, è parte integrante del progetto SUD chiama SUD (Associazione
Alma Terra – Mola di Bari) selezionato dal Programma regionale Cultura e Spettacolo 2020.

Vi ricordiamo che per ricevere il link Zoom e partecipare occorre inviare una mail ad archiviodigenere@gmail.com

MURI DENTRO E FUORI CASA DI UN SUD SENZA DIRITTI: LE FERITE DELLA DIASPORA PALESTINESE (8.04/H.17)

Francesca Albanese (co-autrice di “Palestinian Refugees in International Law”, Georgetown University) dialoga in videocall con Paola Zaccaria (studiosa e teorica di genere, Smurare mediterraneo, Archivio di Genere) e Luigi Cazzato (Smurare mediterraneo, Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione- Università degli Studi di Bari Aldo Moro).

Interventi di Nabil B. Salameh e Fabrizio Piepoli (musicisti, docenti del Conservatorio T. Schipa di Lecce) e Rania Hammad (scrittrice e attivista).

Incontro a cura di Lorena Carbonara (AdG, Smurare mediterraneo, Università della Calabria) e Paola Zaccaria.

L’ incontro, organizzato in collaborazione con il progetto di ricerca attivista S/Murare il Mediterraneo, è parte integrante del progetto SUD chiama Sud (AssociazioneAlma Terra-Mola di Bari) selezionato dal Programma regionale Cultura e Spettacolo 2020.